circum-terzigno-2

NOLA (di Raffaele De Lucia)- E’ stato seviziato, picchiato e ridotto in fin di vita lanciato sui binari. E’ l’atroce storia accaduta a un cane ritrovato esanime sui binari della Circumvesuviana sulla tratta Baiano- Avellino. Per fortuna alcuni passanti lo hanno notato e lo hanno prontamente meso in salvo. Il cucciolo ha riportato diverse profonde ferite su tutte la frattura della spina dorsale. Secondo il veterinario rischia di non poter più camminare. Sull’accaduto sono scesi in campo gli agenti del locale commissariato che stanno esaminando i filmati di sorveglianza delle telecamere per identificare i responsabili

“Ho chiesto al presidente dell’Eav, Umberto De Gregorio, di avviare da subito un controllo sui sistemi di sicurezza e videosorveglianza a bordo dei treni e nell’area della stazione per individuare i responsabili dell’ignobile violenza ai danni di un cane che è stato picchiato selvaggiamente e poi buttato sui binari per farlo investire da un treno in arrivo. L’animale ha una ferita alla spina dorsale e forse non potrà più camminare, ma è stato salvato dal treno che stava per travolgerlo da alcune persone di passaggio”.

Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, sottolineando che “quel che è stato raccontato da Il Fatto vesuviano non può restare impunito e servono anzi punizioni esemplari”.

“Chi è capace di fare del male gratuito a un essere vivente è un violento e, per tale, deve essere perseguito” ha aggiunto Borrelli sottolineando che “troppo spesso si tende a catalogare alla voce “ragazzate” le violenze verso gli animali, dimenticando che chi le commette sarebbe capace di farne altrettante contro gli esseri umani e, quindi, va fermato immediatamente. Purtroppo le sevizie, le uccisioni e le violenze contro gli animali stanno crescendo in Campania ed è necessario porre un freno”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments