NAPOLI – Come ogni lunedì pochi positivi e pochi tamponi. Un dato non attendibile se si pensa che tra il bollettino di ieri e quello odierno c’è uno scarto di ben 6153 tamponi in meno.

Sono 2.861 i nuovi positivi, in calo rispetto a ieri (3.860), dei quali asintomatici 2.655 e sintomatici: 206.

I deceduti sono 24, ed il totale sale a: 700. I guariti sono: 1.245, il totale dei guariti è di 12.991.

Questo il bollettino di oggi:

Positivi del giorno: 2.861
di cui:
Asintomatici: 2.655
Sintomatici: 206
Tamponi del giorno: 15.632

Totale positivi: 62.461
Totale tamponi: 996.251

​Deceduti: 24
Totale deceduti: 700

Guariti: 1.245
Totale guariti: 12.991

​Report posti letto su base regionale:

Posti letto di Terapia intensiva complessivi: 580

Posti letto Covid:
Posti letto di terapia intensiva attivabili: 227​
Posti letto di terapia intensiva occupati: 171
Posti letto di degenza attivabili: 1.940
Posti letto di degenza occupati: 1.486

Nel corso della Conferenza Stato-Regioni di oggi, il Presidente della Regione Vincenzo De Luca, nell’esporre il quadro attuale della situazione sanitaria, ha avanzato ufficialmente le seguenti richieste al Governo.

1) Con uno specifico emendamento acquisito dalla Conferenza, è stata chiesta l’estensione dei congedi parentali, con modifica che porti al cento per cento dello stipendio, a vantaggio dei genitori con figli di età compresa tra zero e 16 anni.

2) Nel caso di lavoratori autonomi, è stata chiesta la concessione di un corrispettivo bonus famiglia.

3) Al Governo è stata chiesta l’adozione di misure di prevenzione e contenimento del contagio che siano semplici e di carattere nazionale, tendenti all’obiettivo – cosa più utile e necessaria – di frenare la mobilità e gli assembramenti, cosa che continua a verificarsi nelle città, nelle piazze e sui lungomare. Si tratta di una tendenza assolutamente incompatibile con il contrasto all’espansione del contagio.

4) Occorre un piano straordinario di controllo da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle ordinanze, che rischiano di diventare perfettamente inutili senza tale piano.

5) Assoluta contemporaneità delle misure del Governo di contenimento dell’epidemia, con quelle previste e annunciate a sostegno alle categorie colpite già dalla crisi, che subiranno ulteriori ricadute sul piano economico.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments